Emozioni

Emozione, dal latino emovēre, letteralmente “muovere da, tirar fuori”. Moto dell’animo che si manifesta all’esterno, dando vita a un sentimento, che sia di rabbia, dolore, gioia, amore…

A suscitare l’emozione può essere un’immagine, un odore, un ricordo, un evento, qualcosa che tiri fuori dall’animo qualcos’altro.  Le Emozioni possono essere piacevoli o dolorose, e se ne vivono svariate, ogni giorno, dalle più impercettibili a quelle più evidenti, che s’impongono con forza e si manifestano anche agli altri. Dopo un po’ di tempo, la nostra mente, il nostro corpo, le rimuovono, relegandole nei cassetti della memoria.

Ce ne sono alcune, però, che restano lì a occhieggiare dietro ogni nostro sguardo, come un velo fra noi e il mondo, a fare da quinta a tutto il resto: la prima immagine d’un figlio appena venuto al mondo, il suo primo sorriso, la sua prima lacrima;  la paura negli occhi fondi del gattino appena portato a casa, prima che abbia imparato a conoscere la fiducia, e a rifugiarvisi strusciando nel ronron d’una coccola; la gioia amara d’una mamma che ci saluta all’altare; il primo apparire del mare dopo un inverno lontano…

L’emozione che provo oggi è quella d’una nascita, o meglio, di una rinascita. A dicembre del 2012 fu dato alle stampe il mio libro Una trama inconsistente – Storia di cani, amanti e commissari, nell’unica versione cartacea.

Oggi, dopo quasi cinque anni, Una trama inconsistente nasce come eBook in una versione aggiornata, e fa il suo debutto su Amazon e su Kobo. Non posso paragonare l’immagine che vedete qui accanto al primo sorriso di mio figlio, che null’altro al mondo potrà eguagliare, ma un’Emozione forte, di quelle che restano impresse per sempre dietro i nostri sguardi, questa immagine me l’ha suscitata.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *